Il Collegio Rabbinico Italiano (Beth haMidrash laRabbanim haItalqi) è la scuola che ha per compito principale la formazione di rabbini e officianti (di diverso grado) e di insegnanti di materie ebraiche o operatori culturali di alto livello in campo ebraico. A questo compito istituzionale si associa quello di essere un polo di diffusione della cultura ebraica tradizionale in Italia presso un vasto pubblico non necessariamente interessato a conseguire titoli rabbinici.

L’Istituto mantiene il nome tradizionale di “Collegio Rabbinico” che assunse nell’Ottocento dopo l’iniziale denominazione Istituto Convitto Rabbinico, risalente al 1829. La prima sede del Collegio fu a Padova, successivamente si trasferì a Roma, a Firenze e di nuovo a Roma, dove è l’attuale sede.

L’odierna struttura del Collegio Rabbinico Italiano comprende tre settori distinti: la Scuola Rabbinica, il Seminario Davide Almagià e il Diploma triennale in Studi Ebraici.
 

L’Unione della Comunità Ebraiche Italiana (UCEI) bandisce un concorso per borse di studio per allievi del Collegio Rabbinico Italiano (CRI), sia del corso medio che del corso superiore, per studenti di età post-liceale. La disponibilità complessiva per le borse per l’anno 5774 (2013 – 2014) è di 20.000 euro. Le borse di studio sono di due tipi: il tipo (A) è indirizzato ad allievi che intendano svolgere studi presso la sede del Collegio Rabbinico, con massimale di 4.000 euro per allievo, e il tipo (B) ad allievi che intendano svolgere studi in Israele presso istituti di studi ebraici superiori, con massimale di 2,000 euro per allievo.